giovedì 26 luglio 2012

MODIFICHE AL CDS IN ARRIVO: SEGWAY EQUIPARATI AI VELOCIPEDI (ARTICOLO 50 CDS)



1. Al comma 1 dell'articolo 50 del codice della strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e successive modificazioni, sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: «, nonché i mezzi elettrici, concepiti per il trasporto di una sola persona di età non inferiore a sedici anni, con bilanciamento assistito ovvero dotati di due ruote in asse, con sistemi e sottosistemi di sicurezza ridondanti, che hanno una velocità massima di 20 km/h con possibilità di autolimitazione a 6 km/h».


L’articolo 1 introduce una modifica all’articolo 50 del codice della strada al fine di disciplinare una nuova tipologia di mezzo di trasporto, i Segway, mezzi elettrici a due ruote con bilanciamento assistito.
Il Segway è un mezzo a due ruote parallele, azionato da due motori elettrici a batterie, con bilanciamento assistito, cioè con un meccanismo di sensori giroscopici che ne garantisco la stabilità verticale in movimento, il bilanciamento e la possibilità di essere guidato in equilibrio con movimenti del corpo; si tratta di mezzi che possono essere condotti da una sola persona.
L’utilizzo di tali mezzi non è al momento disciplinato normativamente nel Codice della strada.
Attesa la rapida diffusione degli stessi, il Ministero delle infrastrutture ha emanato - già in una nota ministeriale del 2007 (nota 26702 del 20.03.07) - alcune indicazioni per il loro utilizzo su "marciapiedi", "aree pedonali" e "piste ciclabili", dettando alcune limitazioni e criteri comportamentali.
La nota ministeriale n. 26702 del 20.03.07 ha previsto per i Segway il rispetto delle seguenti norme di utilizzo e comportamentali:
-        velocità massima non superiore a 6 Km/h con sistema di limitazione predisposto dal costruttore, per le "aree pedonali" e per i "marciapiedi";
-        velocità massima non superiore a 20 Km/h su piste ciclabili; obbligo di dare la precedenza ai pedoni e di tenere la destra sui marciapiedi;
-        divieto di utilizzo a conducenti con età inferiore a 16 anni;
-        divieto di utilizzo in condizioni di scarsa visibilità. Per esempio marciapiedi e piste ciclabili per niente o poco illuminate durante le ore notturne.
Tali limitazioni non sussistono per quanto riguarda un possibile utilizzo del mezzo da parte delle forse armate di cui all'art. 11 c. 1 del CdS e agli enti o corpi equiparati ai sensi del c. 11 dello stesso articolo, e da parte delle polizie municipali.
Le norme comportamentali da rispettare da parte dei conducenti del mezzo sono derivate da quelle di cui all'art. 190 del CdS -comportamento dei pedoni- con le precisazioni di seguito riportate:
- Comma I: si conferma solo il primo periodo secondo cui "I pedoni devono circolare sui marciapiedi, sulle banchine, sui viali e sugli altri spazi per essi predisposti; qualora questi manchino, siano ingombri, interrotti o insufficienti, devono circolare sul margine della carreggiata opposto al senso di marcia dei veicoli in modo da causare il minimo intralcio possibile alla circolazione". Si vieta, pertanto, l'utilizzo del mezzo fuori dai centri abitati.
- Comma II: si conferma il testo contenuto per cui "I pedoni, per attraversare la carreggiata, devono servirsi degli attraversamenti pedonali, dei sottopassaggi e dei sovrappassaggi. Quando questi non esistono, o distano più di cento metri dal punto di attraversamento, i pedoni possono attraversare la carreggiata solo in senso perpendicolare, con l'attenzione necessaria ad evitare situazioni di pericolo per sé o per altri". Quindi lo stesso tipo di comportamento deve essere osservato dal conducente del mezzo.
- Comma III: si conferma il testo contenuto per cui "E' vietato ai pedoni attraversare diagonalmente le intersezioni; è inoltre vietato attraversare le piazze e i larghi al di fuori degli attraversamenti pedonali, qualora esistano, anche se sono a distanza superiore a quella indicata nel comma II". Quindi lo stesso tipo di comportamento deve essere osservato dal conducente del mezzo.
- Comma IV: si conferma il testo contenuto per cui "E' vietato ai pedoni sostare o indugiare sulla carreggiata, salvo i casi di necessità; è, altresì, vietato, sostando in gruppo sui marciapiedi, sulle banchine o presso gli attraversamenti pedonali, causare intralcio al transito normale degli altri pedoni". Quindi, lo stesso tipo di comportamento deve essere osservato dal conducente del mezzo.
- Comma V: si conferma il testo contenuto per cui "I pedoni che si accingono ad attraversare la carreggiata in zona sprovvista di attraversamenti pedonali devono dare la precedenza ai conducenti". Quindi lo stesso tipo di comportamento deve essere osservato dall'utilizzatore del Segway.
- Comma VI: si conferma il testo contenuto per cui "E' vietato ai pedoni effettuare l'attraversamento stradale passando anteriormente agli autobus, filoveicoli e tram in sosta alle fermate". Quindi lo stesso tipo di comportamento deve essere osservato dal conducente del mezzo.
- Commi da VII a IX: il testo contenuto non è rilevante in quanto non attiene il comportamento che deve osservare il conducente del mezzo in esame.
- Comma X: si conferma il testo contenuto per cui "Chiunque viola le disposizioni del presente articolo è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da €. 19,95 a €. 81,90".
Il Ministero chiarisce, inoltre, che Segway PT non rientra tra gli acceleratori di andatura di cui ai commi 8 e 9 dell'art. 190 del CdS in quanto trattasi di mezzo non funzionante a propulsione esclusivamente muscolare.

L’articolo 1 in commento provvede pertanto a colmare la lacuna normativa esistente con l’inserimento dei Segway nel comma 1 dell’articolo 50 del codice della strada, equiparandoli ad altri mezzi di locomozione a due ruote, i velocipedi, così come  le biciclette a pedalata assistita.

Rispetto alla nota del Ministero delle infrastrutture, quindi viene meno l’equiparazione, ai fini delle norme di comportamento da seguire, tra i conducenti di Segway ed i pedoni

Con l’integrazione dell’art. 50 viene così limitata normativamente la guida di tali mezzi alle persone di età di almeno 16 anni e si prevede una velocità massima dei mezzi di 20 Km/h, con possibile autolimitazione a 6 Km/h.

Al riguardo si segnala che la disposizione appare introdurre un limite di età per la guida dei mezzi elettrici con bilanciamento assistito (c.d. Segway) che tuttavia è inserito nell’articolo 50 del codice della strada relativo alla definizione di velocipedi e non nell’articolo 116 relativo al conseguimento della patente e ai limiti di età per la guida dei diversi tipi di veicolo a motore. Al tempo stesso si rileva che tuttavia per nessun tipo di velocipede, al quale la disposizione equipara i Segway, è previsto l’obbligo di conseguire una patente e conseguentemente un limite di età per la guida.

Per un confronto con il vigente articolo 50 del Codice della Strada, del quale si propone la modifica, si veda il seguente testo a fronte:

Testo vigente dell’art. 50 del Codice della strada
Art. 50, del Codice della strada, come risulterebbe dall’approvazione della pdl in esame
Art50.Velocipedi.
1. I velocipedi sono i veicoli con due ruote o più ruote funzionanti a propulsione esclusivamente muscolare, per mezzo di pedali o di analoghi dispositivi, azionati dalle persone che si trovano sul veicolo; sono altresì considerati velocipedi le biciclette a pedalata assistita, dotate di un motore ausiliario elettrico avente potenza nominale continua massima di 0,25 KW la cui alimentazione è progressivamente ridotta ed infine interrotta quando il veicolo raggiunge i 25 km/h o prima se il ciclista smette di pedalare.








2. I velocipedi non possono superare 1,30 m di larghezza, 3 m di lunghezza e 2,20 m di altezza.
Art50.Velocipedi.
1. I velocipedi sono i veicoli con due ruote o più ruote funzionanti a propulsione esclusivamente muscolare, per mezzo di pedali o di analoghi dispositivi, azionati dalle persone che si trovano sul veicolo; sono altresì considerati velocipedi le biciclette a pedalata assistita, dotate di un motore ausiliario elettrico avente potenza nominale continua massima di 0,25 KW la cui alimentazione è progressivamente ridotta ed infine interrotta quando il veicolo raggiunge i 25 km/h o prima se il ciclista smette di pedalare nonché i mezzi elettrici, concepiti per il trasporto di una sola persona di età non inferiore a 16 anni, con bilanciamento assistito ovvero dotati di due ruote in asse con sistemi e sottosistemi di sicurezza ridondanti che hanno una velocità massima di 20 Km/h con possibilità di autolimitazione a 6 Km/h.
2. I velocipedi non possono superare 1,30 m di larghezza, 3 m di lunghezza e 2,20 m di altezza.


Servizio Studi - Dipartimento trasporti



Nessun commento:

Posta un commento

Commenta